Chemin de la Sarine au Pays-d'Enhaut
Chemin de la Sarine au Pays-d'Enhaut

La Svizzera a piedi

Chemin de la Sarine au Pays-d'Enhaut

Chemin de la Sarine au Pays-d'Enhaut

Rougemont–Rossinière

Servizio sul sentiero
61 foto

WL_131_DSC09430_F_M.jpg
Chemin de la Sarine au Pays-d'Enhaut

Chemin de la Sarine au Pays-d'Enhaut

Dal sito cluniacense di Rougemont al Grand Chalet di Rossinière, passando per la collina della chiesa (Temple), a Château-d'Oex, tra paesaggi selvaggi, scolpiti dal corso naturale della Sarina, e paesaggi modellati dall'agricoltura montana e dalla storia regionale.
L'itinerario inizia a Rougemont, ai piedi dell'imponente cima della Gummfluh. Questo villaggio cela alcuni gioielli dell'architettura locale: le vecchie case in legno dalle facciate riccamente decorate e abbellite con fiori variopinti, l'antica chiesa romanica di San Nicola del secolo XI e il castello del secolo XVI. Il sito cluniacense fu fondato nel 1080 dai monaci di Cluny. Rougemont divenne così il centro spirituale del Pays-d'Enhaut.

Da Rougemont, l'itinerario segue il corso della Sarina, passando per le frazioni di Combes e di Gérignoz, per poi imboccare il sentiero che conduce alla cascata di Ramaclé. Dopo questa zona golenale, il ponte Turrian (costruito nel 1883), una delle più antiche e ancora percorribili passerelle sospese della Svizzera romanda, permette di raggiungere Château-d'Œx. Qui vale la pena fare una capatina alla chiesa, che si trova su una collina che regala una notevole vista sul nucleo del paese. La chiesa risale al secolo XV e fu poi completata con bellissime vetrate. Le numerose giornate di sole, la protezione dai venti estremi grazie alle catene montuose, l’abbondanza di spazio e il microclima favorevole rendono Château-d'Œx una mecca per i piloti di mongolfiere.

L'itinerario continua verso La Chaudanne, per attraversare la Sarina al ponte delle Grangettes. Si continua attraverso i pascoli, per arrivare a Rossinière, che si presenta come un emblematico ensemble architettonico, caratterizzato da costruzioni in legno come lo Chalet de la Place e il celebre Grand Chalet, dove il pittore Balthus ha passato i suoi ultimi anni. Nel cuore del villaggio si trova la cappella Balthus, dedicata alla memoria del defunto artista.
Dal sito cluniacense di Rougemont al Grand Chalet di Rossinière, passando per la collina della chiesa (Temple), a Château-d'Oex, tra paesaggi selvaggi, scolpiti dal corso naturale della Sarina, e paesaggi modellati dall'agricoltura montana e dalla storia regionale.
L'itinerario inizia a Rougemont, ai piedi dell'imponente cima della Gummfluh. Questo villaggio cela alcuni gioielli dell'architettura locale: le vecchie case in legno dalle facciate riccamente decorate e abbellite con fiori variopinti, l'antica chiesa romanica di San Nicola del secolo XI e il castello del secolo XVI. Il sito cluniacense fu fondato nel 1080 dai monaci di Cluny. Rougemont divenne così il centro spirituale del Pays-d'Enhaut.

Da Rougemont, l'itinerario segue il corso della Sarina, passando per le frazioni di Combes e di Gérignoz, per poi imboccare il sentiero che conduce alla cascata di Ramaclé. Dopo questa zona golenale, il ponte Turrian (costruito nel 1883), una delle più antiche e ancora percorribili passerelle sospese della Svizzera romanda, permette di raggiungere Château-d'Œx. Qui vale la pena fare una capatina alla chiesa, che si trova su una collina che regala una notevole vista sul nucleo del paese. La chiesa risale al secolo XV e fu poi completata con bellissime vetrate. Le numerose giornate di sole, la protezione dai venti estremi grazie alle catene montuose, l’abbondanza di spazio e il microclima favorevole rendono Château-d'Œx una mecca per i piloti di mongolfiere.

L'itinerario continua verso La Chaudanne, per attraversare la Sarina al ponte delle Grangettes. Si continua attraverso i pascoli, per arrivare a Rossinière, che si presenta come un emblematico ensemble architettonico, caratterizzato da costruzioni in legno come lo Chalet de la Place e il celebre Grand Chalet, dove il pittore Balthus ha passato i suoi ultimi anni. Nel cuore del villaggio si trova la cappella Balthus, dedicata alla memoria del defunto artista.
14 km | 1 Tappa
360 m | 460 m
3 h 45 min
facile (sentiero escursionistico) | medio

Andata | ritorno

Contatto

Parc naturel régional Gruyère Pays-d’Enhaut
Place du village 6
1660 Château-d’Œx
Tel. +41 (0)26 924 76 93
info@pnr-gp.ch
www.pnr-gp.ch

Servizi

Alloggio

Les Chambres d'Hôtes du Berceau
Les Chambres d'Hôtes du Berceau
Château d'Oex
Auberge de Jeunesse Château-d'Oex
Auberge de Jeunesse Château-d'Oex
Château-d'Oex
Hôtel Roc et Neige
Hôtel Roc et Neige
Château-d'Oex
Hotel de la Poste
Hotel de la Poste
Château-d'Oex
Visualizzare tutto

Località

Rougemont
Rougemont
Château-d'Oex
Château-d'Oex
Rossinière
Rossinière
Visualizzare tutto

Curiosità

Chiesa romanica dell'XI secolo
Chiesa romanica dell'XI secolo
Parco naturale regionale Gruyère Pays-d'Enhaut
Parco naturale regionale Gruyère Pays-d'Enhaut
Visualizzare tutto

Segnaletica

Segnaletica
Seguite il logo raffigurato per le escursioni sugli indicatori di direzione gialli. Durante la vostra escursione, prendete con voi, per sicurezza, una copia stampata della nostra mappa web.
Segnaletica